In Piegatura

 

Qualche mese fa ho conosciuto un ragazzo che lavorava in un’azienda conto terzista di lavorazione lamiera.

Mi ha raccontato che un suo amico di un’azienda concorrente si è trovato davanti ad

un problema piuttosto grosso dovuto alla mancanza di conoscenza.

 

Aveva fatto tagliare dei grandi pezzi con materiale in conto lavoro e con delle forme piuttosto complesse da piegare, si trattava di sagome irregolari difficili da appoggiare su una macchina con i riscontri non indipendenti, ma soprattutto con un acciaio a lui sconosciuto: un tale Strenx.

Ora, per facilitare il lavoro ai piegatori, disegnò delle tacche di riferimento sulla linea di piega, ignorando che sarebbero poi diventate bruttissimi inneschi di cricche…

Una volta di più questo aneddoto insegna quanto sia importante che

materiali eccezionali vengano piegati in maniera eccezionale.

Mi spiego:

i cosiddetti acciai altoresistenziali come Hardox e Strenx, stanno trovando sempre più campi di utilizzo proprio in virtù delle loro caratteristiche straordinarie che costringono in molti casi i progettisti a ripensare la forma di oggetti uguali da decenni.

Allo stesso tempo la piegatura negli altoresistenziali assume sempre di più un ruolo da protagonista.

PERCHÉ?

PER EVITARE IL PIÙ POSSIBILE LE SALDATURE.

E come mai?!?!

Perché la resistenza a fatica dell’altoresistenziale nelle saldature decade in maniera drastica, fino a farlo assomigliare ad un normalissimo acciaio strutturale…

Sì, ma… cos’è la fatica per un acciaio?

Se per chi lo lavora è semplicemente uno stato mentale del lunedì mattina, per un acciaio la fatica rappresenta la sua resistenza dopo una lunga serie di cicli di tensioni. Un milione di cicli…

IN PRATICA:

Se io prendo un altoresistenziale vergine e lo sottopongo a una prova di trazione avrà una certa resistenza, ma dopo un milione di volte che lo stresso ne avrà una più bassa, ovviamente (ma pur sempre più elevata di un acciaio comune!).

In presenza di saldature, invece, la resistenza a trazione rimane elevata, ma si riduce drasticamente dopo il famoso milione di cicli di trazione.

Quindi, mio buon carissimo piegatore, è il momento buono di far vedere quanto sei bravo, questo è il motivo delle pieghe assurde che sempre più spesso ti vengono richieste!

dapibus leo.

 

RESTIAMO IN CONTATTO:

E' disponibile il nuovo libro

Progettare elementi in lamiera piegata

Trucchi e consigli per l’ufficio tecnico